I servizi che può offrire un Travel blogger

Dal 17 al 19 ottobre ho avuto la fortuna di partecipare alla prima edizione del TBDI 2013 – Travel Blogger Destination Italy – per la prima volta un evento interamente dedicato ai blogger (italiani e non) all’interno di TTG Incontri e Travel Trade Italia, la storica fiera del turismo di Rimini.

Immagine

La tre giorni di eventi dedicata ai blogger si è svolta tra interessanti jam session, tranining lesson e interventi da parte di blogger, videomaker e fotoreporter italiani e internazionali, oltre ad una giornata interamente dedicata al b2d, un incontro faccia a faccia tra travel blogger e operatori del settore (“Meet the Blogger“).

Come è emerso dal resoconto dei travel blogger internazionali, è ormai chiaro che i travel blogger sono il nuovo strumento di promozione turistica. Come un megafono danno voce alle realtà e ai luoghi che visitano, li raccontano sui propri blog e li fanno conoscere: grazie ai social network, di cui i travel blogger sono instancabili utilizzatori, l’effetto rimbalzo è immediato e garantito. Basta vedere l’esempio della campagna #myMauritius (14 blogger, 2 milioni di account Twitter raggiunti, più di 3.600 tweet) o la campagna #BlogVille (2,875 tweet solo da marzo a luglio) così come di tante altre che stanno riscontrando risultati davvero apprezzabili.

 

E in Italia? Se all’estero la figura del travel blogger è ormai una realtà consolidata il cui valore è stato pienamente compreso, in Italia si assiste ahimè a un certo ritardo, ma le cose stanno cambiando. Gli enti di promozione turistica, le regioni, i tour operator stanno cominciando a comprendere il significato e le potenzialità offerte dai travel blogger anche in Italia.

Con questo posto voglio rispondere ad una domanda che in molti mi fanno spesso: che servizi può offrire un travel blogger?

Blog tour

Un tempo c’erano i viaggi stampa, oggi ci sono i blog tour: eventi dedicati a cui vengono invitati blogger specializzati (in viaggi, moda, cibo, etc.). In occasione di un particolare evento culturale o per promuovere un territorio, una provincia, un’iniziativa turistica, i blogger vengono invitati a partecipare in qualità diciamo di reporter.

Rispetto ai reporter classici i blogger hanno un’arma in più: i social network. Grazie ai numerosi follower su Twitter, ai seguaci su Instagram o ai liker sulle pagine Facebook, i travel blogger raccontano live i luoghi che stanno visitando, le realtà che incontrano, le persone con cui vengono in contatto durante il blog tour. E poi – of course – raccontano: nei propri blog racconteranno l’esperienza appena vissuta, le strutture che li hanno ospitati, i ristoranti che hanno fatto provare loro le prelibatezze del posto.

 

Storytelling

I travel blogger sono sì instancabili viaggiatori, sempre alla ricerca di offerte di viaggio e voli last second ma allo stesso tempo anche amanti della scrittura e dei contenuti di qualità.

Scrivere (e scrivere bene) è la nostra missione, ciò che rappresenta (insieme al viaggiare) la nostra passione più grande. Scrivere per il proprio blog porta poi molti a stringere collaborazioni con altri blog o portali di viaggio e – possibilmente – essere pagati per scrivere.

Il fatto di essere un travel blogger per le strade del mondo in genere coincide con un’altra prerogativa: sapere altre lingue e quindi ad esempio saper scrivere non solo in italiano ma anche in inglese.

 

Social media planning

Essere blogger porta inevitabilmente ad avere grande dimestichezza con i social network, strumento di cui tutti i blogger non possono fare a meno per far conoscere il proprio blog e stringere contatti. I blogger sono Social Media Specialist abilissimi, presenti su tutti i canali social (Facebook, Twitter, Google+, Instagram, YouTube, Pinterest, Tumblr, etc), esperti do comunicazione virale e web marketing 2.0.

I travel blogger sanno come gestire al meglio la vostra pagina Facebook, come come creare e amministrare un profilo Twitter, come attirare e fidelizzare nuovi potenziali clienti.

 

Comunicazione 2.0

I travel blogger sono grandi comunicatori: il mondo della comunicazione e del marketing è quello dove si trovano più a loro agio. Dalla creazione di contenuti al web editing, dal marketing turistico alle newsletter, dal web marketing all’article marketing e alla SEO, i travel blogger hanno mille risorse. Ognuno si può specializzare in un aspetto diverso, tutti dedichiamo impegno costante alla formazione e alla nostra preparazione. In un mondo 2.0 in cui ormai tutto è comunicazione.

Related posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.